Navigare Facile

Il Ciliegio Acido

Informazioni Generali

Il ciliegio acido è quella varietà di albero che produce marasche, visciole e amarene. Appartenente alla famiglia delle Rosaceae e alla specie Prunus Cerasus, è un albero originario dell'Asia minore.

E' un arbusto dal bel portamento, può apparire cespuglioso, con dimensioni non eccessive, si sviluppa in altezza per non più di 6 o 7 metri. Si adatta facilmente a temperature invernali anche molto basse, e a vari tipi di terreno, è per questo motivo che viene coltivato in tutta Italia.

Fatta eccezione per la produzione di visciole, il ciliegio acido è una pianta molto fertile e fruttifera.
La maggior parte è infatti autofertile, ossia la fecondazione del fiore può avvenire anche da parte del polline provenente dai fiori della stessa pianta, quindi ogni anno, indipendentemente dalle condizioni climatiche, i frutti sono sempre abbondanti.

Questo albero fiorisce e fruttifica soprattutto nei rami giovani e corti, che si riempiranno di gemme a fiore, da ognuna di queste si formeranno dai 2 ai 4 fiori, ricchi di petali e dal colore bianco rosato, ricopriranno letteralmente l'intero albero durante la primavera, offrendo uno spettacolo meraviglioso. La fioritura avviene ad aprile insieme all'emissione delle foglie, seghettate ai margini, lunghe e ovali e dal colore verde scuro, mentre i mesi in cui i frutti saranno maturi sono maggio e giugno.

Un buon ciliegio acido riesce a produrre fino a 150 kg di frutti e può vivere fino ai 30 anni. Varie malattie possono colpire l'albero compromettendone la vita, alcune di queste sono: la mosca delle ciliegie, il Coryneum e la gommosi.

I frutti di questo albero hanno un aspetto un po' minuto rispetto alle ciliegie dolci, molto più grandi e carnose, e pur avendo un sapore acidulo e quindi non molto gradevole, le marasche vengono utilizzate per la preparazione di prodotti alternativi, gran parte dei frutti raccolti vengono infatti inviati ad aziende alimentari, solo una piccola parte viene venduta fresca nei mercati ortofrutticoli.